In primo piano,  Piazze d'Autore

A Città Spettacolo il Premio Strega 2019 Antonio Scurati

Il 26 agosto alle ore 21:00 a Benevento in Piazza “F. Torre” il Premio Strega 2019, Antonio Scurati, presenta “M. il figlio del secolo”, Bompiani. A moderare l’evento il direttore di Fondazione Bellonci, Stefano Petrocchi.

 

 

 



È un romanzo, sì, ma un romanzo in cui d’inventato non c’è nulla. Al contrario, ogni singolo accadimento, personaggio, dialogo o discorso è storicamente documentato o autorevolmente testimoniato da più di una fonte. È la storia dell’Italia tra il 1919 e il 1925, dalla fondazione dei Fasci italiani di combattimento al delitto Matteotti, la storia di un Paese che si consegna alla dittatura, la storia di un uomo (M, il figlio del secolo) che
rinasce molte volte dalle proprie ceneri. La storia della Storia che ci ha resi quello che siamo.
Da Bompiani

«Scurati racconta con dedizione e ostinazione la nascita del fascismo in Italia, non tralasciando nessun dettaglio decisivo alla comprensione della nostra Storia, attenendosi ai fatti documentati e appassionando i
lettori per pagine e pagine, come hanno dimostrato le reazioni fin dal primo giorno della sua comparsa nelle librerie. Il racconto corale, con al centro la figura di Benito Mussolini, compie il miracolo di farci comprendere come i fatti prendano consistenza e poi potenza in pochi anni, con la complicità dell’indifferenza e della superficialità di un intero popolo. Nonostante quest’anno tra i candidati al premio Strega siano presenti libri e
autori che apprezzo, propongo M. di Antonio Scurati perché è un evento nella letteratura italiana, uno dei romanzi importanti dei nostri anni, che merita per questo non solo di partecipare al Premio Strega ma di vincerlo».
Proposto da Francesco Piccolo al Premio Strega 2019

Antonio Scurati è nato a Napoli nel 1969 ed è docente di Letterature contemporanee presso la IULM di Milano. Ha esordito nel 2002 con Il rumore sordo della battaglia (Mondadori – premio Kihlgren, premio Fregene, premio Chianciano). Nel 2005, con Il sopravvissuto (Bompiani), ha vinto la XLIII edizione del premio Campiello e nel 2008, con Una storia romantica (Bompiani), il Mondello. Sempre con Bompiani ha pubblicato: Il bambino che sognava la fine del mondo (2009), La seconda mezzanotte (2011), Il padre infedele (2013) e Il tempo migliore della nostra vita (vincitore sia del premio Viareggio sia del premi Selezione Campiello).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: