Warning: fread(): Length parameter must be greater than 0 in /web/htdocs/www.cittaspettacolo.it/home/BnCs2015/contatore.php on line 16
benevento cittą spettacolo 2015
     
BENEVENTO CITTA' SPETTACOLO
XXXVI EDIZIONE
4-13 SETTEMBRE 2015


MITI, EROI, GENTE COMUNE
direzione artistica Giulio Baffi




home    

domenica 6 settembre ore 18,30
Teatro De Simone

Prometheus#2
Simbolo di un sapere libero oltre il mito
da Eschilo a Robert Lowell

con Antonello Cossia, Paolo Cresta, Valentina Gaudini

sound, visual design Francesco Albano
musica Salvio Vassallo
ingegnere del suono Corrado Taglialatela
make up Chiara Pepe
ideazione, adattamento e regia Raffaele Di Florio

produzione Altrosguardo

Cinquanta minuti di spettacolo per portare in scena un testo della tragedia greca nel terzo millennio, significa interrogarsi ancora una volta con nuovi strumenti di conoscenza e sapere, Prometheus#2, parte dal mito di Prometeo presente nella tragedia eschilea e si traduce attraverso la penna di Robert Lowell.
L’ideazione, l’adattamento e la messinscena è curata da Raffaele Di Florio.
Un comune denominatore che denota “l’estetica” del lavoro frutto dell’Associazione Culturale Altrosguardo è il valore che si attribuisce in ugual misura al testo, al suono ed allo spazio. In Prometheus#2 si manifesta in due aspetti tra loro interconnessi: φωνή (voce) e φως (luce). Prometeo, figura della mitologia greca, ha rappresentato nella storia della cultura occidentale il simbolo di ribellione e sfida alle autorità e alle imposizioni; ma soprattutto, Prometeo è eletto come metafora del pensiero (Promethéus, colui che comprende in anticipo, che prevede), archetipo di un sapere sciolto dai vincoli del mito, della falsificazione e dell’ideologia.
Prometeo, che guarda oltre e si spinge sempre verso altri orizzonti, è in fondo un personaggio che attraversa varie civiltà del Mediterraneo.
La “presenza/assenza” del Titano si rivela scenicamente nell’unica forma che possa avvicinarsi alla rappresentazione del divino secondo la cultura occidentale.