Arte in strada
SHARK EMCEE


29 agosto, via Napoli, ore 22
Shark Emcee

Shark Emcee si appassiona al mondo hip hop da giovanissimo, capisce subito che questo è il “suo” universo, il suo “spazio”.
Le sue influenze provengono da scenari variegati, distanti e complementari tra loro, partono dal blues dal rock n roll dall R n B, dal funk …. questi input risultano essere trasversali , intrusivi, formativi, metabolici.

La capacità di rileggere un territorio, con le sue bellezze, con la sua cultura, di riattivare un immaginario legato ai sui stilemi culturali, e” provinciali”, di raccontare tutto questo in un linguaggio che tocca, “colpisce” i giovani, attivando sinergie con ‘capacità moltiplicative’ del sistema produttivo musicale, sociale e culturale .
Shark Emcee incarna questo status, traducendolo in musica.
Parole, sensazioni, suoni , alimentano direttamente ed indirettamente, i nuovi focolai della creatività, dei territori di Shark.

"Smiley Emcee", vale a dire un rapper capace di rappare con il sorriso sulle labbra,
Conivolgente, ironico, in perfetto equilibrio tra tradizione e rinnovamento, tra abrasività ed armonia,
lo stile compositivo è essenziale ma contemporaneamente ricco di eccitanti sfumature.

Il cd “La trappola” viene pubblicato nel 2007 ed è il disco d’esordio, il progetto genera un notevole interesse e diversi live sul territorio, ampliando la platea dei fan.
Il disco Made in Sann-Yo è l’evoluzione de “La trappola”, viene pubblicato il clip “luna viola “, i live si moltiplicano ed i follower aumentano .

Nel dicembre 2010 Shark Emcee pubblica il primo singolo/videoclip da solista: "Orgoglio Sannita", che spinge il rapper beneventano al di fuori del circuito underground.
Interessante la citazione, e la messa in onda del brano Orgoglio Sannita, nel programma radiofonico condotto da Linus "Deejay chiama Italia", come pezzo rap dedicato alle città italiane, ottenendo il più alto numero si segnalazioni del pubblico, di Radio Dee Jay.

Nel frattempo Il clip supera le 250mila visualizzazioni .
L’attività di Shark Emcee lo vede sempre più spesso protagonista di battles lungo lo stivale, che formano, forgiano la sua personalità, ed il suo stile.
"Microphone Masta" a Parma, nel 2010, in coppia con il beatboxer DJ Masso sono premi conquistati sul campo, occasioni dove il talento si mostra senza remore.
Nel 2011 arriva il secondo singolo "Ad ogni signorina" , il clip con - regia di Valerio Vestoso - conquista il secondo posto al più importante concorso per videoclip italiani "PIVI".

Grazie a tale risultato il videoclip va in rotazione sui monitor delle metro di Roma e Milano, sui voli nazionali Alitalia e in vari cinema del Paese.
Nel 2012 con il singolo/videoclip: "Fattell 'na risat", in collaborazione con Andreas Del Grosso e il featuring con il gruppo folk campano dei Sancto Ianne nel singolo/videoclip: "Guardame Sienteme" si fondono il folk ed il rap in un impasto sonoro atipico ed emozionante.

Il 22 dicembre del 2012 Shark Emcee lancia il suo primo EP da solista: "I was a b.boy, please gimme a job". EP che ha in Andreas Del Grosso il beatmaker principale il lavoro è arricchito dai featuring di Egiuann ( ex trappola), DJ Uncino, DJ Puokkio, DJ Planner e Davide Luciano.
Shark EMcee è stato anche protagonista con Rocco Hunt, Fabio Mef e Doc Shock, di "Il suono che parla": progetto di scrittura rap per i detenuti all'istituto per minori di Airola, pubblicato un n libro dal titolo il suono che parla http://www.hoepli.it/libro/suono-che-parla-percorso-di-scrittura-creativa-ed-espressione-rap-nell-istituto/9788889883976.html

Progetto che ha portato il rapper per due anni consecutivi ad insegnare ai giovani detenuti come scrivere brani rap, per produrre a fine progetto un vero e proprio cd.
Il 15 Giugno 2014 Shark Emcee si posiziona tra i primi 6 classificati del torneo nazionale di freestyle “Passa il microfono” all'Alcatraz di Milano.

Nel 2015 viene assoldato dalla label napoletana “Jesce Sole” che lo presenta con il singolo “Non ho bisogno” alle selezioni di Sanremo Giovani 2015.

Il rapper riesce a superare la prima selezione (entra nei 60 finalisti su 660 brani presentati) facendo incetta di complimenti dalla giuria di qualità durante il provino finale negli studi Rai di Roma.

Al momento è al lavoro per il primo album da solista, e contemporaneamente si dedica alle collaborazioni su dischi di altri colleghi ed esibizioni live dove, spesso accompagnato da Andreas Del grosso, riesce a proporre spettacoli coinvolgenti sia per gli appassionati del genere che per i semplici appassionati di musica alternando brani del proprio repertorio con sprazzi di improvvisazione (freestyle) che sono il marchio di fabbrica del giovane rapper beneventano.