Pasolini Suite 100

Sabato 24 Settembre 2022
Teatro Comunale
Ore 20:45

“Per questo io mi sento ancora fortemente commuovere dalla sua immagine che suona Bach; lei ha costruito un edifico solidissimo nella mia vita”.

Così scriveva Pier Paolo Pasolini, nel 1946, a Pina Kalc, colei che lo avvicinò, ancora ragazzo, alla musica ed e al violino. Pasolini, che considerava la musica come l’unica azione espressiva alta e indefinibile, amava la musica colta, ma al contempo non poteva non allontanarsi dalla passione per la canzone popolare e per quelle che lui stesso definì “canzonette”, la musica leggera. La sua inesauribile curiosità e straordinaria conoscenza lo porterà a comporre, in questo ramo, piccoli capolavori, tra i quali spicca per originalità e intensità, “Cristo al mandrione”, portata al successo da Laura Betti e poi ripresa dalla cantante romana Gabriella Ferri. La figura e l’immaginario pasoliniano hanno ispirato tantissimi musicisti che gli hanno dedicato, negli anni, canzoni e omaggi, come “A Pà” di Francesco De Gregori e “Una storia sbagliata” di Fabrizio De André. Lo spettacolo, che prende il titolo proprio dallo struggente brando del cantautore romano, ripercorre, in musica e parole, l’amore pasoliniano per l’arte e la bellezza, andando ad intrecciare, in un crescendo costante, musica colta e brani del panorama cantautorale italiano ad aneddoti e poesie. Un quartetto d’archi tutto al femminile si fonda, quindi, con la chitarra classica, con il pianoforte, con il sassofono, la fisarmonica, e con la voce narrante, accompagnando il pubblico in un “viaggio” costellato di meraviglia, stupore ed emozione.  Un progetto unico e originale per omaggiare la straordinaria e poliedrica personalità di Pier Paolo Pasolini a 100 anni dalla sua nascita avvenuta il 5 marzo del 1922.

Gli interpreti

Francesco Galizia, fisarmonica e sax soprano

Pietro Verna, voce e chitarra

Quartetto d’archi Cecile

Antonio Palazzo, pianoforte e arrangiamenti

Gabriele Zanini, voce narrante

Lascia un commento